logo di Facebooklogo di Twitterlogo di YouTube
logo della Fondazione Querini Stampalia
AquaGranda. Postazione artistica di Matteo Silverio
Aquagranda. Postazione artistica di Matteo Silverio
Aquagranda. Postazione artistica di Matteo Silverio
Dal 22 2021 al 22 Maggio 2022

187 cm: è il livello record che il mare ha raggiunto la notte del 12 novembre 2019 a Venezia, sommergendo la città e recando danni a abitazioni, luoghi pubblici e privati, oltre a monumenti e a beni culturali, come vi raccontavamo in questo articolo. Una “acqua granda”, come si dice in dialetto veneziano.

AquaGranda 2019 è il progetto realizzato dall’Università Ca’ Foscari insieme a Science Gallery Venice e in collaborazione con le istituzioni partner del Distretto veneziano di ricerca e innovazione (DVRI), patrocinata da Confartigianato: l’obiettivo è quello di restituire al pubblico messaggi privati, scritti e vocali, foto, video e post sui social network, con cui la collettività ha raccontato momento per momento le ore concitate di quella notte.

L’idea di costruire una memoria collettiva digitale è nata grazie all’impulso di Odycceus, un progetto di ricerca europeo coordinato da Ca’ Foscari che si occupa di conflitti sociali in Europa analizzando i dibattiti online. Strumenti basati sull’analisi dei dati e sull’intelligenza artificiale hanno permesso di raccogliere i dati dei social network e rilevare le opinioni socio-politiche in merito all’accaduto. 

Dopo aver realizzato il primo archivio digitale sull'acqua alta, disponibile e fruibile da tutti, è ora il momento del secondo step del progetto AquaGranda: una mostra virtuale e diffusa, visitabile camminando tra le calli di Venezia e presente con installazioni nei luoghi fisici della città colpiti dalla marea. Verranno affissi dei QR code e organizzati una serie di workshop e seminari.

Diversi artisti e data-scientist internazionali in questi mesi hanno utilizzato il materiale raccolto nell'archivio digitale per creare le opere d'arte che compongono il corpo della mostra “Navigare AquaGranda - una memoria collettiva”. Foto, video, suoni sono stati usati, modificati e reinterpretati realizzando dei prodotti artistici e multimediali per il pubblico.

Le opere sono ora fruibili ovunque dal proprio telefonino e nelle sedi del DVRI ospitanti, tra cui: Ismar-Cnr (Palazzo Canonica), Fondazione Ugo e Olga Levi Onlus, Fondazione Bevilacqua La Masa, Conservatorio Benedetto Marcello e Fondazione Querini Stampalia.

Diverse postazioni artistiche in vetro di Murano installate in queste sedi danno modo al visitatore di interagire con l'opera: da semplici fruitori, si diviene protagonisti dell'opera stessa. 

Anche alla Fondazione Querini Stampalia é presente una di queste postazioni artistiche: è SKYTIDE, opera in vetro di Murano di Matteo Silverio

Venezia non è completamente "piatta", ma ha un’altezza sul medio mare che oscilla tra gli 80 centimetri (zona di Rialto) e gli oltre 200 (Tronchetto); ciò significa che la città non viene sommersa in maniera omogenea durante l'alta marea e lo stesso accadde quella notte: molte zone (le più conosciute) furono seriamente invase dall’acqua, mentre in altre quasi non ci si accorse di nulla. 

I dati altimetrici di Venezia sono stati “puliti” e trasformati in un gradiente cromatico discretizzato. Questa base è stata poi utilizzata per visualizzare il livello “reale” dell’acqua raggiunto in città grazie all'utilizzo di 850 canne in vetro di Murano, tagliate e lavorate a mano. Le canne, di quattro diversi colori e diverse altezze, ripropongono in scala la violenza di quella marea eccezionale. 

Il vetro di Murano si erge a metafora dell'acqua e fissa - come in una foto - il picco massimo raggiunto nella notte dell' AquaGranda 2019. 

L'effetto finale è quello di uno skyline d'acqua: uno SkyTide.

Calendario
 
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
© FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA ONLUS, PARTITA IVA 02956070276 - CREDITI
x

Crediti del sito web

Design
Studio Camuffo

Sviluppo
Alvise Rabitti
Giovanni Rosa