logo di Facebooklogo di Twitterlogo di YouTube
logo della Fondazione Querini Stampalia
Consiglio Presidenza, Revisori Conti
Conte Giovanni Querini Stampalia
Foto di Gabriella Berardi
Conte Giovanni Querini Stampalia

La Fondazione Querini Stampalia, costituita nel 1869, è oggi una ONLUS, un'organizzazione non lucrativa.

Per statuto è retta da un Consiglio di Presidenza composto da cinque membri  dei  quali  due  nominati  fra  i  suoi  membri  effettivi  dall’Istituto  Veneto  di  Scienze,  Lettere  ed  Arti, uno  dal  Comune  di  Venezia  e  uno, a  quinquenni  alternati, dall’Università Ca’ Foscari Venezia e dall’Università IUAV di Venezia. 

Il  quinto  membro  viene  cooptato  dai  quattro  consiglieri  sopra  elencati  tra  personalità  che  possono  validamente  contribuire  al  raggiungimento  delle  finalità  della Fondazione.

 

Presidente: Marino Cortese

Consiglieri: Renato Brunetta, Daniela Brusegan, Giovanni Castellani, Irene Favaretto

 

Il Collegio dei Revisori dei Conti è costituito da due persone nominate dall'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti.

Revisori dei Conti: Roberto Parro, Giancarlo Tomasin

 

Il Presidente, i Consiglieri e i Revisori dei Conti prestano la loro opera gratuitamente.

NEWSLETTER
 

Work in progress

Per informazioni scrivere a ufficiostampa@querinistampalia.org

INFO
 

 



Fondazione Querini Stampalia

 

Santa Maria Formosa

Castello 5252, 30122 Venezia

tel 041 2711411

fax 041 2711445

partita iva e codice fiscale

02956070276

fondazione@querinistampalia.org

 


Orari

 

Museo e mostre

da martedì a domenica 10/18

lunedì chiuso

 

Biblioteca ed emeroteca

da martedì a sabato 10/24

domenica e festivi 10/19

lunedì chiuso

 

Bookshoop

da martedì a domenica 10/18

lunedì chiuso

 

Querinicaffè

da martedì a domenica 10/18

lunedì chiuso

 

Non sono ammessi animali (di nessuna taglia) all'interno del palazzo sede della Fondazione

© FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA ONLUS, PARTITA IVA 02956070276 - CREDITI
x

Crediti del sito web

Design
Studio Camuffo

Sviluppo
Alvise Rabitti
Giovanni Rosa